Prestito personale: requisiti e garanzie da avere

Alcune volte capita di dover far fronte a delle spese improvvise e si è sprovvisti di liquidità, una possibile soluzione a questo problema potrebbe essere richiedere un prestito personale presso una banca o una società finanziaria. Diversamente dal prestito finalizzato infatti, il prestito personale è un finanziamento che ha per oggetto una determinata somma di denaro che può essere destinato a tutto ciò che serve al richiedente. In parole povere, non è necessario dare spiegazioni al soggetto erogatore in merito alle finalità del prestito, che in concreto potrebbe essere richiesto per pagare un regalo, una vacanza, la macchina ecc. In genere questi prestiti possono avere per oggetto somme non inferiori a 1000 euro e non superiori a 60 mila euro (anche se alcune banche concedono anche somme superiori).

Come ottenere un prestito personale

Oggigiorno è piuttosto semplice trovare ed ottenere un prestito personale, in rete infatti è possibile fare più preventivi ed individuare l’ente più conveniente per le proprie esigenze. In giro per il web infatti esistono veri e propri siti specializzati, ad esempio puoi trovare un prestito personale su Facile.it e fare un preciso confronto tra più istituti di credito. Per quanto concerne i requisiti invece, è risaputo che le banche prima di concedere il prestito accertano determinati presupposti che il richiedente dovrà possedere al momento della richiesta. Innanzitutto, è necessario avere un’età che va dai 18 anni, prima non è possibile stipulare e concludere nessun contratto, e non superiore ai 70 anni. Tuttavia, esistono alcuni istituti che erogano prestiti anche a soggetti con un’età superiore.

È necessario altresì possedere la residenza in Italia, è bene precisare, non è necessario avere la cittadinanza, ma occorre solamente la residenza. Occorre, inoltre, possedere un conto corrente (in caso contrario, la banca, nel momento dell’erogazione ne aprirà uno contestualmente). Infine, occorre possedere anche un reddito dimostrabile, quindi un lavoro a tempo indeterminato, in caso contrario è difficile ottenere un prestito.

Prestito personale: Garanzie accessorie

È bene precisare che in sede di stipula del contratto, l’istituto erogante potrebbe richiedere anche ulteriori garanzie come ad esempio:

  • Copertura assicurativa: in molti casi gli istituti di credito chiedono la stipula di polizze assicurative per garantire il prestito, in caso di inadempienza infatti sarà l’assicurazione a dover pagare la banca al posto del debitore;
  • Garante: se non si ha un’ottima reputazione creditizia o comunque una ridotta solvibilità, la banca potrebbe richiedere la presenza del cosiddetto garante, ovvero una persona coobbligata con il debitore, il quale dovrà pagare i canoni in caso in cui il debitore non lo faccia. In genere questa ulteriore garanzia viene richiesta anche quando il richiedente non possiede una busta paga oppure quando non possiede un contratto a tempo indeterminato;
  • Ipoteca, infine, le banche possono chiedere anche l’iscrizione su un bene immobile del richiedente.

Tuttavia, è bene precisare che, secondo le ultime statistiche poste in essere da Assofin (Associazione italiana del credito al consumo) negli ultimi anni, anche a causa della crisi economica, gli istituti stanno concedendo più facilmente il credito ai richiedenti per far fronte alle proprie necessità.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.