Piano di accumulo, come funziona

Nel precedente articolo, Piani di accumulo, cosa sono, abbiamo dato la definizione di piano di accumulo. Ora che sappiamo cosa sono, dobbiamo capire come funzionano. Come già detto nel precedente articolo, per avere un piano di accumulo basta avere un conto corrente presso un qualsiasi istituto bancario.

Ma ora veniamo a noi. Il funzionamento del piano di investimento è abbastanza semplice: si investe in un prodotto finanziario, un importo predeterminato a scadenze prestabilite per un certo periodo, anch’esso predeterminato. La prima cosa da fare è scegliere su quali mercati investire: bond, azioni, etf ecc ecc. Fatto ciò bisogna scegliere un piano di accumulo che tratti proprio quei mercati da noi scelti. Alcuni piani di accumulo permettono una selezione ancora maggiore del proprio portafogli scegliendo permettendoci di scegliere questo, o quel, titolo finanziario.

Come funziona un piano di accumulo

La scelta di un piano di accumulo potrebbe sembrare poco redditizia, tuttavia permette al risparmiatore poco avvezzo al rischio di minimizzare i rischi e soprattutto, scaricarsi dalle ansie dettate dall’investimento una tantum in un solo titolo magari. Inoltre, diluendo gli investimenti a scadenze prestabilite, il risparmiatore potrà dimezzare i rischi di eventuali congiunture negative del mercato, o meglio ancora evitare di eccedere con gli acquisti in un determinato periodo.

I piano di accumulo sono certamente dei tipi di investimento  destinati in particolare a chi desidera investire piccole cifre e contare su una entrata sicura. I Pac sono prodotti adatti per coloro che vogliono crearsi un capitale nel tempo mettendo da parte piccole cifre, e soprattutto, pianificando le entrare e le uscite. Sono degli investimenti vantaggiosi e sicuri perché funzionano come dei livellatori del rischio e permettono nelle fasi di ribasso dei mercati finanziari di comprare quote del fondo comune di riferimento a dei prezzi inferiori così da mediare il prezzo medio d’acquisto. Ovviamente chi ha una maggiore propensione al rischio, una maggiore disponibilità di capitale e maggiori conoscenze tecniche tenderà verso altri strumenti finanziari.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Potrebbero interessarti anche...