Modulo disdetta Sky e Sky online: pdf e come fare grazie alla legge Bersani

Negli ultimi anni sono stati davvero moltissimi a decidere di abbonarsi a Sky e Sky online. Allo stesso tempo, però, sono stati numerosi anche coloro che hanno deciso di disdire il proprio contratto. Se siete tra coloro che vogliono rescindere il contratto con Sky o Sky online vi trovate nel posto giusto. Di seguito, infatti, vi spiegheremo passo dopo passo l’iter necessario per disdire il contratto senza dover fare i conti con penali o intoppi di natura burocratica. Niente paura, comunque: compilando tutti i moduli e seguendo in maniera scrupolosa le indicazioni fornite si avrà la possibilità di disdire il contratto senza alcun genere di problema e in maniera rapida. A questo punto, non vi resta altro da fare che recuperare carta e penna e prendere appunti. Siete pronti?

Disdetta Sky e Skyonline : ecco come fare

In linea di massima, un contratto Sky dura un anno e alla scadenza di tale termine si rinnova in maniera automatica. Come facile intuire, ciò significa per dfare disdetta Sky  si può decidere di attendere la scadenza cosiddetta naturale e inoltrare la propria richiesta di annullamento o optare per il recesso anticipato. La differenza tra le due modalità è netta: la prima, infatti, non prevede alcun genere di costo, nel secondo caso, invece, è necessario pagare una quota detta costo dell’operatore e, addirittura, qualche eventuale penale. Le penali, ovviamente, dipendono dalle promozioni che sono state sottoscritte o dalla non restituzione di apparecchiature in comodato d’uso o noleggiate. E nel caso in cui il contratto sia stato sottoscritto da meno di 14 giorni? In questo caso, si ha la possibilità di annullare il contratto in questione senza dover nulla alla compagnia. Inoltre, si ha anche diritto a vedersi rimborsati i costi sostenuti al momento della sottoscrizione del contratto. Ma scendiamo più nel dettaglio e vediamo di capire quali sono le spese da sostenere in caso di recesso anticipato. Quando si parla di costo dell’operatore si fa riferimento ad una spesa di poco più di 11 euro. Nel caso in cui, poi, non si dovessero restituire le apparecchiature alla compagnia di dovrebbero 30 euro al pezzo. Se a non essere restituito è il decoder, la somma da versare ammonterà a 150 euro. In merito, si specifica che tutti gli apparecchi devono essere restituiti entro 30 giorni dalla chiusura del contratto presso un centro Sky. Al momento della riconsegna verrà rilasciata una ricevuta con la quale dimostrare l’effettiva restituzione. Tra le altre cose, tutti coloro che hanno beneficiato di sconti dovranno corrispondere una somma pari alle agevolazioni nel momento in cui fanno disdetta a Sky.

Modulo e PDF disdetta Sky: cosa dice la legge Bersani

Grazie alla legge Bersani si ha la possibilità di disdire il contratto Sky in qualsiasi momento. Com’è noto, la legge Bersani sulle liberalizzazioni ha agevolato non poco gli utenti. Ma come fare per rescindere un contratto? In buona sostanza, è sufficiente scaricare l’apposito modulo di disdetta sky, compilarlo e inoltrarlo alla compagnia. Niente di più semplice, dunque, non credete? L’unica cosa da tenere a mente, quindi, è la restituzione di tutte le apparecchiature e il calcolo delle varie promozioni sottoscritte. Ciò che più di ogni altra cosa deve far riflettere è che, nonostante la possibilità di disdire il contratto in ogni momento, la compagnia ha il diritto di chiedere il versamento di una penale in caso di mancata restituzione.

PDF per disdetta SKY, ecco il download

Se siete decisi a fare disdetta Sky, vi forniamo qui di seguito il modulo in pdf da utilizzare, lo potrete scaricare semplicemente cliccando sul link qui sotto. La raccomandata con il modulo compilato in ogni suo campo deve essere inviata all’indirizzo SKY CASELLA POSTALE 13057 – 20141 MILANO. Vi ricordiamo anche che per ulteriori dubbi potete contattare il servizio clienti Sky al seguente numero verde Sky 800.980.980 oppure al numero 02.917171.

Insomma, cambiare compagnia o, addirittura, decidere di non usufruire più di un servizio di pay TV è davvero semplicissimo. L’importante è compilare il modulo in tutte le sue parti, restituire gli apparecchi in comodato d’uso o noleggiati alla compagnia e calcolare la somma da versare relativa alle varie offerte di cui si è usufruito.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
  • 1
    Share

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.