Investire in petrolio nel 2016

Investire in petrolio nel 2016 è un tarlo di tantissimi investitori nel mondo infatti, il momento sembra opportuno a regalare profitti e rendimenti elevati. Ma è così davvero? Il 2015 è stato fino a qualche mese fa un anno disastroso per il greggio, coloro che avevano deciso di investire in petrolio nel 2016 nei primi mesi dell’anno sono rimasti più che scottati, e le perdite sono state ingenti. Infatti, la bolla dello Shale Oil, la drastica riduzione della domanda di greggio, l’offerta che non si apprestava a diminuire, l’OPEC che non ha tagliato la produzione hanno spinto in breve tempo il greggio a quota 45 $ al barile; facendo sembrare l’idea di investire una follia.

Conviene investire in petrolio nel 2016?

Come abbiamo scritto, il momento negativo del greggio sembra essere alle spalle. Molto sarà deciso nel vertice dell’OPEC a Vienna del 5 giugno 2015. Infatti, è questa la sede in cui si capiranno le eventuali contromosse dell’organizzazione al prezzo basso del petrolio, ed è lì che si capirà se ci saranno spiragli per decidere di investire in petrolio nel 2015. Come scrive Il Sole 24 Ore:

Nei prossimi dieci anni il petrolio non riuscirà a tornare in modo stabile sopra 100 dollari al barile e nella migliore delle ipotesi il suo valore nel 2025 sarà di 76 $. La previsione è contenuta in un documento interno dell’Opec, realizzato come base di discussione per il prossimo vertice , in programma il 5 giugno a Vienna.

Dunque come agire? E’ il momento di investire in petrolio nel 2016?

Con il prezzo del greggio di poco sotto i 60 $ al barile, ed i timori dell’OPEC di non vedere più il prezzo superare i 100 $ la prospettiva è meno rosea di quanto si vorrebbe. Tuttavia, la ripartenza dell’economia mondiale dovrebbe spingere la domanda e portare ad ulteriori aumenti dei prezzi. Quindi, investire in petrolio nel 2016 potrebbe essere una mossa saggia soprattutto nel lungo periodo considerando che difficilmente assisteremo ad un ulteriore crollo come quello registrato qualche mese fa.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Potrebbero interessarti anche...