Fondo Est, il fondo sanitario integrativo: strutture convenzionate, rimborsi e maternità

Quando si fa riferimento al Fondo Est si parla di un ente di assistenza sanitaria integrativa. Esso è stato fondato nel 2005 e consente di usufruire di varie prestazioni sanitarie. Per iscriversi al fondo Est è necessario essere dipendenti a tempo indeterminato oltre che apprendisti. Ma cerchiamo di capire quali sono le garanzie che vengono offerte da questo fondo. Le garanzie offerte da Fondo Est sono davvero moltissime. Esso può essere utilizzato in caso di ricovero, intervento chirurgico, spese pre e post ricovero, visite specialistiche, ticket per Pronto Soccorso e/o accertamenti diagnostico, terapie di vario genere, prestazioni odontoiatriche particolari, prestazioni per maternità, prestazioni per sindrome metabolica. Per tutte queste prestazioni sono previste delle specifiche franchigie e dei massimali che devono essere prese in analisi con particolare scrupolosità. Per ricevere informazioni dettagliate in merito al funzionamento del Fondo Est, alle prestazioni e alle specifiche caratteristiche dei servizi si ha la possibilità di contattare l’ente chiamando il numero verde del Fondo EST 800.922.985. Ad avere l’opportunità di iscriversi al Fondo Est sono le aziende che applicano i contratti CCNL Terziario, CCNL turismo, CCNL Ortofrutticoli/agrumari, CCNL Farmacie speciali. Per quanto riguarda, invece, la modalità di iscrizione, è importante tenere conto del fatto che la procedura può essere effettuata anche on-line. Non appena conclusa l’iscrizione, all’azienda viene assegnato un codice da comunicare qualora si avesse necessità di rivolgersi all’assistenza. Le strutture convenzionate pubbliche e private messe a disposizione dei clienti sono davvero moltissime.

Fondo Est: come chiedere rimborsi

Nell’eventualità in cui un dipendente di un’azienda regolarmente iscritta al Fondo Est si trovi costretto a sostenere una spesa sanitaria, ha la possibilità di richiedere il rimborso provvedendo ad inviare copia della documentazione. Nello specifico, i rimborsi per maternità, fisioterapie, sedute di agopuntura, presidi e ausili medici ortopedici devono essere inoltrate a FONDO EST – Ufficio Liquidazioni – Via Cristoforo Colombo, 137- 00147 Roma. Tutte le altre tipologie di richieste, invece, devono essere inoltrate a UniSalute S.p.A Fondo Est – c/o CMP BO Via Zanardi 30, 40131 Bologna BO.

Fondo Est e maternità: come funziona il fondo sanitario integrativo

Come detto in precedenza, tra le numerose prestazioni del Fondo Est vi è anche quella per la maternità. Come è facile intuire, abbiamo a che fare con servizi pensati specificatamente per tutte le donne che aspettano un bambino. Grazie al fondo, tutte le future mamme hanno la possibilità di accedere a benefici utili per fare fronte ad ogni genere di esigenza. In tal caso, si ha a che fare con una forma previdenziale a rimborso. In buona sostanza, è necessario prima sostenere le spese per richiedere il rimborso al Fondo Est. Ad avere diritto di accedere al fondo sono anche i dipendenti a tempo determinato, sia con contratti part time che full time. Alcune distinzioni, però, sono d’obbligo. Ad esempio, le aziende che applicano il contratto CCNL Turismo possono accedere al fondo solo de il contratto a tempo determinato non duri più di 3 mesi.

Il Fondo Est sanitario integrativo offre ai propri clienti anche varie opzioni di intervento nel caso in si debbano affrontare spese per prestazioni odontoiatriche. Insomma, il Fondo Est consente di poter usufruire di prodotti specifici grazie ai quali poter affrontare in totale serenità moltissime spese sanitarie. Senza alcun dubbio, si tratta di una serie di prodotti pensati esclusivamente tenendo conto delle specifiche esigenze dei lavoratori. Prima di sottoscrivere un contratto, è comunque necessario leggere con particolare scrupolosità le condizioni contrattuali e riflettere in maniera approfondita in merito alle specifiche esigenze dei lavoratori. L’assistenza integrativa è, in generale, uno strumento decisamente interessante per i lavoratori che hanno necessità di sostenere spese ingenti per la propria salute.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
  • 1
    Share

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.