Conviene aprire una tabaccheria? Come aprire un tabaccaio oggi

Conviene aprire una tabaccheria? Se vuoi inoltrarti nel mondo dell’imprenditoria perché questo settore è quello che senti più vicino e in linea con le tue aspirazioni da imprenditore, è importante prendere tutte le informazioni del caso. Non è fondamentale capire come aprire una tabaccheria, è però vitale cercare di comprendere se e quanto conviene oggi, in considerazione della crisi economica, gettarsi in questo genere di attività. La risposta sembrerebbe affermativa se si pensa al tipo di prodotto immesso nel mercato: parliamo di tabacchi, ancor oggi un prodotto redditizio nonostante la sensibilizzazione contro il fumo, quindi un ottimo veicolo di denaro. Anche l’aspetto SISAL attira molto un eventuale aspirante esercente. Il mondo delle scommesse e dei giochi lottomatici attira un numero levato di clienti, per cui rappresenta un’occasione di lavoro continuo e di forte redditività per l’imprenditore, ma vediamo di seguito quali sono le considerazioni da valutare prima di aprire un tabacchino.

Come aprire una tabaccheria? Conviene?

Come aprire una tabaccheria? Conviene? La prima cosa da fare è cercare un’eventuale location e valutare se il luogo sia favorevole a quella determinata attività; ma ciò che conta davvero è l’ottenimento di una licenza AAMS; in alternativa se vi preme avere quest’attiva con passaggi burocratici e meno difficoltosi, potete cercare una tabaccheria in vendita, che richiederà il passaggio di licenza quindi tempistiche ridotte sotto quest’aspetto. In questo caso però dovete valutare bene le condizioni che spingono il vecchio esercente a vendere la sua tabaccheria. Sono motivi personali? Di salute? Forse vuole andare in pensione, oppure ci sono motivazioni legate alla redditività della stessa tabaccheria? Non è facile capire bene i motivi che spingono un imprenditore a cedere la sua attività, per cui prima di esporvi, fate tutte le stime e analisi del caso. Aprire una tabaccheria richiede un’analisi importante e dettagliata di ogni aspetto. Studiare il luogo è importante, verificate che sussistano tutte le condizioni per gettarsi in quest’avventura, con sopralluoghi e verifiche sull’area di copertura. Non è il dubbio su come aprire una tabaccheria, è bene capire se conviene; le informazioni si trovano facilmente nel web e chi vuole addentrarsi meglio e specificatamente nel settore, deve andare negli uffici preposti del proprio comune e chiedere tutta la relativa documentazione da presentare. La burocrazia è lunga e tortuosa, ma soprattutto ciò che conta è avere consapevolezza dei soldi da impiegare; ci vogliono importanti capitali per aprire una tabacchino, vediamo perchè.

Leggi Anche altre idee per aprire un attività:

Aprire una tabacchino, costi e opinioni

Aprire una tabacchino quali costi comporta? Non è vitale sapere come aprire una tabaccheria, fondamentale è conoscere la spesa che si andrà a sostenere, per questo motivo si consiglia sempre di fare un’attenta analisi di tutto ciò che interessa quest’attività. Dovete trovare il luogo fisico adatto ove eventualmente aprire il vostro tabacchino, considerate se è necessaria una ristrutturazione del locale con relative spese a questo connesse; e poi acquisto mobilio, oltre a tutti i macchinari indispensabili per gestire una tabaccheria. La fornitura dei prodotti è ampia, non solo sigarette e Lottomatica, ma servono anche altri articoli da offrire ai clienti che rappresentano un contorno di valore. Parliamo di cartoline, materiale da cancelleria e decidere anche se fornirsi di eventuale articoli da regalo e quale pubblico rivolgersi. Meglio un vasto assortimento per accontentare tutti i clienti.

L’AMMS è l’Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato alla quale chiedere la licenza:  visitando il sito potrete seguire tutti i passaggi indicati per fare la vostra richiesta. Vi accorgerete anche che sussistono diversi operativi previsti per i gestori di tabaccheria:  abbiamo le rivendite ordinarie, rivendite speciali,  patentini e distributori.  Le prime sono le classiche che devono essere distanziate le une dalle altre in base alla densità di popolazione del comune. Le seconde sono quelle che si trovano all’interno di zone speciali come aeroporti o stazioni ferroviarie e altri luoghi simili. I patentini servono per locali con particolare affollamento, come ad esempio un bar che vende anche tabacchi. Infine ci sono i distributori automatici installate secondo le norme vigenti, dal rivenditore autorizzato nei pressi del locale posto per la vendita. Se volete sapere altro, scriveteci!

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
  • 1
    Share

Potrebbero interessarti anche...