Come aprire un CAF: requisiti, modalità e guadagni anche in franchising

Un’attività che può essere presa in considerazione per poter lavorare e guadagnare discretamente può essere quella di aprire un Caf, naturalmente, sempre se si è in possesso di specifici requisiti che essa richiede, oltre che a tanta voglia e competenza. Vediamo allora la guida su come aprire un caf, requisiti e i guadagni possibili per chi ha deciso di mettersi in gioco con questa attività, in proprio o in franchising.

Cosa è un Caf e come si apre?

In tutte le città esistono ormai i Caf, ovvero, centri di assistenza fiscale a cui le persone possono rivolgersi per risolvere problemi o ricevere assistenza in merito a tutto ciò che riguarda il fisco. Esso, infatti, aiuta i contribuenti a redigere la dichiarazione dei redditi, l’Isee, il Red ed altro ancora. Ogni Caf è in possesso di un’autorizzazione all’iscrizione all’albo nazionale dei Caf tenuto presso il Ministero delle Finanze ed è molto utile anche per ottenere informazioni riguardanti bonus fiscali o straordinari, social card, agevolazioni e così via.

Per usufruire dei servizi del Caf, inoltre, non è previsto alcun costo per l’invio dei modelli precompilati dai richiedenti, mentre per la compilazione deve essere corrisposta una cifra che varia se si è in possesso di una tessera di iscrizione e che comunque può essere visionata sul listino presente in ogni sede.

Come aprire un Caf: requisiti e modalità

Sicuramente aprire un Caf non è una cosa che può esser fatta da chiunque, ma soltanto da precise categorie di lavoratori e, più nello specifico da:

  • Associazioni sindacali istituite da almeno 10 anni 
  • Associazioni di lavoratori che abbiano almeno 50 mila aderenti 
  • Commercialisti e consulenti del lavoro con partita iva. 

Inoltre, è importante sapere che per iniziare a svolgere l’attività di assistenza fiscale è necessaria un’autorizzazione da parte dell’Agenzia delle Entrate. Al fine di ottenere la suddetta autorizzazione, gli interessati sono tenuti a presentare un’istanza alla Direzione Regionale in cui comunicano i dati identificati delle sede operative, dei responsabili all’assistenza fiscale, dei soci del Caf, dei componenti il Consiglio di amministrazione, i dati della polizza assicurativa. Se la domanda ottiene riscontro positivo, il Caf viene iscritto nel rispettivo Albo (Caf-dipendenti o Caf-imprese).

Come Aprire un Caf: quali vantaggi e guadagni

Sicuramente chi decide di aprire un Caf, avendo i requisiti su indicati, ritiene che esso possa essere fonte di buoni guadagni; in effetti, gli introiti derivanti da tale attività dipendono principalmente dalla mole di lavoro che si riesce a sostenere e dalle pratiche che vengono effettivamente portate a termine.

Sicuramente dopo esservi chiesti come aprire un Caf  avrete capito chenon è impresa semplice e richiede, oltre alla giusta preparazione, anche un esborso economico ed una buona pubblicità per farsi conoscere ed attirare il maggior numero possibile di aderenti. Una soluzione può essere quella di iniziare a lavorare presso altri professionisti del settore già affermati, in modo da consolidare la propria esperienza e conoscere più gente possibile oppure aprire un Caf in franchising, un’opportunità sicuramente più allettante perché offre la possibilità di risparmiare tempo e soldi.

Sappiamo bene, infatti, che questa formula di un caf in franchising prevede di avere formazione e software gratuiti, assistenza continua sia off che online ed un valido aiuto per farsi conoscere attraverso azioni mirate di marketing sul territorio di riferimento. Fateci sapere la vostra qui sotto!

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.