Come allevare lombrichi e guadagnare: costi e come fare

Oggi parleremo di come allevare lombrichi e aprire un allevamento di lombrichi. Stupiti? Non dovreste, perchè al giorno d’oggi la ricerca del lavoro è divenuta una delle priorità maggiori soprattutto per i giovani ed essendo il posto fisso sempre più un’utopia, l’attenzione si rivolge verso idee imprenditoriali che possano risultare innovative ed al tempo stesso redditizie, pur cercando di contenere l’investimento iniziale. L’allevamento dei lombrichi, ad esempio, è un’interessante possibilità di guadagno rapido e che non richiede grandi somme per aprirlo; esso si sta rapidamente diffondendo anche in Italia grazie alla crescita del mercato biologico.

Mentre fino a qualche tempo fa i lombrichi venivano utilizzati soprattutto dai pescatori come esche, oggi il loro allevamento sta guadagnando una certa popolarità in tutto il mondo e con risultati veramente incoraggianti, in quanto oltre ad essi viene commercializzato anche l’humus prodotto. Ecco la nostra guida per voi.

Allevare lombrichi per Humus, perché sono richiesti?

I lombrichi, che hanno un alto tasso di riproduzione, vengono venduti per diversi scopi ecco perchè hanno una grande richiesta. Possono esser usati:

  • Per i negozi di pesca
  • Per rifornire altri allevamenti
  • Come cibo per altri animali da allevare
  • Trattamenti del terreno
  • Produzione di humus

Quest’ultimo (humus) è un componente chimico del terreno proveniente dalla degradazione e rielaborazione della sostanza chimica del terreno, quello che sostanzialmente fanno i lombrichi producendo l’humus. Esso è alla base della vita sulla terra e rappresenta un elemento importantissimo e può essere paragonato ad un vero e proprio fertilizzante naturale, ottimo sostituto di sostanze chimiche.

Come aprire allevamento di lombrichi per guadagnare

Per allevare lombrichi inizialmente è sufficiente un piccolo terreno dove implementare facilmente una lettiera di 2 metri quadrati, tenendo sotto controllo la temperatura, il ph e l’umidità. Partendo in primavera è possibile creare un piccolo impianto (fatto di poche lettiere dove allevare diverse specie di lombrichi) in qualsiasi zona, anche se sono da preferire quelle collinari o al livello del mare e poi preparare il terreno in cui saranno inseriti i lombrichi. I lombrichi, infatti, si cibano di sostanze organiche di origine vegetale in decomposizione o letami maturi (che poi provvederanno a trasformare in ottimo humus). Per preparare il pasto di questi animaletti, bisogna ridurre i suddetti alimenti in piccole dimensioni e poi farli fermentare conservandoli in contenitori ad alto grado di umidità. Una volta ottenuta una vera e propria poltiglia, si sistema nella lettiera facendo attenzione a non metterne tanta. I lombrichi, infatti, vengono alimentati una volta a settimana con uno strato di circa 10/15 centimetri di questa poltiglia da distribuire sulla superficie della lettiera. Se correttamente gestiti, essi iniziano la loro fase di crescita e di riproduzione, riuscendo addirittura a triplicare la quantità di quelli che normalmente si riescono ad ottenere e iniziare così a guadagnare vendendo lombrichi.

Ti può interessare anche:

Allevare lombrichi costi per lombricoltura

L’investimento iniziale per allevare lombrichi dipende da quello se si desidera fare, quindi, se volete farlo in modo privato ed utilizzando il vostro orto, le spese possono arrivar sotto i duemila euro Per dedicarvi ad una vera e propria attività di lombricoltura, invece, dovete partire da un investimento che va dai 3 mila euro agli oltre 10 mila euro (livello industriale).

Il guadagno con questo tipo di lavoro si ottiene sicuramente, ma sempre lavorando sodo e dedicando ad esso tempo e passione. È consigliabile, comunque, iniziare dal basso in modo da chiudere diversi cicli produttivi, studiando attentamente il mercato commerciale e trovare quelli che possono essere i canali di sbocco per la vostra produzione di lombrichi e solo in seguito decidere di buttarsi in maniera industriale in questo campo. Fateci sapere nei commenti cosa ne pensate e per esser sempre aggiornati lasciate un mi piace sulla nostra pagina facebook! Grazie!

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
  • 11
    Shares

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.