Prestiti senza busta paga, quali istituti?

Purtroppo, ancora nel 2016 vivamo una situazione di crisi che spinge al rialzo la domanda di prestiti senza busta paga. La situazione lavorativa dei giovani sotto i 35 anni è drammatica, il precariato, il avori atipici e la disoccupazione sono all’ordine del giorno e nonostante le previsioni i conti languono. Se per i fortunati che si sono guadagnati un lavoro a tempo determinato esiste la possibilità della cessione del quinto per avere un finanziamente, l’unica alternativi per la fetta restante della popolazione è rappresentata dai prestiti senza busta paga. Ma è davvero così semplice accedere a questi prestiti?

Prestiti senza busta paga e la fideiussione

Avere accesso ai prestiti senza busta paga non è impossibile. Sono numerosissime le persone che si recano in banca o ad una finanziaria per richiederli, ma che a causa della loro posizione lavorativa vedono respinte le loro richieste. Senza dubbio, la via più semplice per accedere ai prestiti senza busta paga è utilizzare una garanzia alternativa, e cioè un garante che possiede i requisiti che il richiedente non ha: lavoro a tempo indeterminato, titoli,, immobili ecc ecc.

Prestiti senza busta paga per tutti

Proprio a cusa della crisi, tuttavia, abbiamo assistito ad un proliferare di offerte di prestiti senza busta paga. Ma non è tutto oro quello che luccica, in genere molte di queste offerte si rivelano veri e propri specchietti per le allodole che attirano il cliente per poi chiedere altri tipi di garanzie. Esistono tuttavia, prestiti senza busta paga e senza garanzie accessorie, che tuttavia, fanno pagare a caro prezzo ai propri clienti il rischio di insolvenza del cliente a cui l’istituto si espone. Infatti, il rischio di insolvenza per un istituto che finanzia i prestiti senza busta paga è generalmente più alto rispetto alle altre tipologie. Di conseguenza il tasso d’interesse che ti richiederà sarà maggiore, quindi attenzione a notare il TAN e TAEG delle proposte che vi faranno.

Prestiti senza busta paga: a chi rivoilgersi?

Gli istituti che erogano i prestiti senza busta paga sono numerosi, ed ognuno utilizza criteri e politiche di rischio differenti che fanno variare anche il piano di rimborso, la rata mensile ma soprattutto il capitale massimo ottenibile. Ciò significa che se si ha necessità di una data somma di denaro con importo elevato, è necessario ricorrere alla richiesta di preventivi per ricercare la banca capace di offrirci non solo uno dei prestiti senza busta paga, ma soprattutto il capitale di cui necessitiamo. Elenchiamo di seguito una lista degli istituti maggiori che li offrono:

  • Findomestic. Più che prestiti, eroga carte di credito senza busta paga;
  • Compass. Prestiti senza busta paga e/o flessibili per giovani sotto i 33 anni;
  • Prestiti facili. Prestiti  per liberi prefessionisti e lavoratori autonomi.

Come è facile intuire da queste poche righe accedere ai prestiti senza busta paga è quanto di più complesso si possa fare in Italia, tuttavia, con attenzione, impegno, e soprattutto tanta pazienza non è impossibile.