Mini Aspi 2017: durata, requisiti, calcolo e domanda, la nostra guida

Dal 1° gennaio 2013 è entrata in vigore la Mini Aspi, una prestazione economica a favore di coloro che sono entrati in disoccupazione. Essa sostituisce l’indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti, spettante a tutti i lavoratori dipendenti che hanno perso involontariamente il lavoro e concessa previa domanda da inviare all’Inps.

A chi spetta la Mini Aspi: requisiti e dettagli

Oltre ai lavoratori che hanno perso il lavoro contro la propria volontà, la Mini Aspi 2017 è prevista anche per: Gli apprendisti, I soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato, Personale artistico con rapporto di lavoro subordinato, Dipendenti a tempo determinato delle Pubbliche Amministrazioni, Lavoratori a tempo determinato della scuola.

Quali sono i requisiti per richiedere la Mini Aspi 2017

La nuova forma di indennità di disoccupazione si può richiedere se sussistono alcuni requisiti fondamentali che andremo ad elencarvi qui di seguito:  Stato di disoccupazione involontario e almeno 13 settimane di contribuzione versata o dovuta nei 12 mesi precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione. Ricordiamo anche che attualmente non è  più richiesto il requisito della anzianità assicurativa.

Mini Aspi 2017: calcolo e domanda

Per chi si sta chiedendo quanto si prende, la Mini Aspi per il 2016 prevede:il 75% della retribuzione media mensile imponibile ai fini previdenziali degli ultimi 24 mesi, se questa è pari o inferiore ad un determinato importo stabilito dalla Legge (per l’anno 2015 pari a 1195,37 euro) e rivalutato annualmente sulla base della variazione dell’indice Istat. Il 75% dell’importo stabilito e sommato al 25% della differenza tra la retribuzione mensile imponibile ed 1195,37 euro, se la retribuzione media mensile è superiore al suddetto importo. La Mini Aspi viene pagata mensilmente ed attraverso accredito su conto corrente bancario o libretto postale oppure con bonifico domiciliato presso Poste Italiane.

Mini Aspi come richiederla e per quanto tempo è possibile percepirla

La nuova indennità di disoccupazione chiamata Mini Aspi, viene corrisposta per un numero di settimane corrispondente alla metà delle settimane di contribuzione presenti nell’anno precedente la data di fine rapporto di lavoro.  Tutti coloro i quali sono in possesso dei suddetti requisiti, possono presentare domanda per la Mini Aspi direttamente all’Inps ed esclusivamente mediante il canale telematico. Si potrà, quindi, inoltrare richiesta di Mini Aspi con le seguenti modalità:

  • Attraverso il Sito ufficiale Inps e con accesso mediante PIN
  • Chiamando al numero verde 803164 da rete fissa oppure 06164164 da cellulare
  • Rivolgendosi ai Patronati.

Importante sapere che la suddetta domanda deve essere presentata entro due mesi dalla data di inizio del periodo di disoccupazione e più nello specifico così individuato:

  • Ottavo giorno successivo alla data di fine rapporto relativo all’ultimo lavoro
  • Data in cui è stata definita la vertenza sindacale oppure la data di notifica della sentenza giudiziaria
  • In caso di malattia o infortunio verificatisi entro gli otto giorni dalla cessazione del lavoro, la data in cui si sono riacquistate le capacità lavorative
  • L’ottavo giorno dal termine del periodo di maternità in corso quando è terminato il rapporto di lavoro
  • Trentottesimo giorno successivo alla data di fine rapporto di lavoro per giusta causa.

Chiunque benefici della Mini Aspi , infine, decade da essa nei casi in cui perde lo stato di disoccupazione, viene assunto con contratto di lavoro subordinato superiore a cinque giorni, inizia un’attività autonoma senza darne comunicazione all’Inps, va in pensione anticipata o per vecchiaia, riceve assegno di invalidità, non partecipa regolarmente a tirocini ed attività formative o non accetta un posto di lavoro per il quale la retribuzione supera almeno del 20% l’importo lordo dell’indennità di disoccupazione. La nostra guida termina qui, con la speranza che sia stata utile e vi abbia sciolto alcuni dubbi. Se avete ancora domande, non esitate a contattarci nei commenti sottostanti Risparmio e investimento è un sito che spazia su moltissime tematiche e che non vi chiede soldi o altro per fornirvi consigli e guide utili. Se vi è piaciuto e volete aiutarci, lasciate un mi piace all’articolo o  lasciate un mi piace sulla nostra pagina facebook! E’ un piccolo gesto che a noi farà capire di esser seguiti e ci spingerà a migliorare giornalmente! Grazie!

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.