Come Investire 20000 euro nel 2018: ecco la guida

Come  investire 20000 euro nel 2018? Cerchiamo di dare una risposta a questa domanda, ricordandovi che esistono molte guide su come investire al meglio, anche per neofiti del settore. Scopriamo oggi la migliore modalità per investire 20000 euro nel 2016 con particolare attenzione al rischio, al rendimento ed ai mercati. Innanzitutto, bisogna sapere che nonostante si tratti di una cifra di tutto rispetto, quando decidiamo di investire  incontriamo immediatamente una difficoltà nel diversificare i nostri risparmi. Dove investire 20000 euro nel 2018? Dato che siamo in presenza di una cifra importante, ma comunque bassa, presupponiamo che sia il capitale di un piccolo risparmiatore che dopo tanti sacrifici, oggi, vuole utilizzare i suoi risparmi con una bassa propensione al rischio e cercando di massimizzare i rendimenti. Scopriamo ora, come investire 20000 euro.

Come investire 20000 euro in azioni sicure? Investimenti da escludere

Investire 20000 euroDate le premesse appena fatte, riteniamo di poter escludere alcuni mercati su cui investire 20000 euro. In particolare escluderemo il mercato azionario emergente, le azioni di una singola società, il trading online sulle valute e non solo e le opzioni binarie. Insomma non investiamo in azioni o in altre forme molto rischiose per il nostro capitale, ma se volete potete affidarvi alla nostra sezione del sito dedicata alla borsa e forex. Inoltre, se decidiamo di investire 20000 euro nel 2018, possiamo escludere dai nostri ragionamenti ditte, società e progetti vari in quanto nella stragrande maggioranza dei casi, e salvo finanziamenti, non potremo far fronte ead eventuali avversità e quindi si tratterebbe di un investimento rischioso.

Investire 20000 euro nel 2018: Conti deposito, libretti di risparmio e BFP

Nonostante la domanda sia “come investire 20000 euro nel 2018?” e non come risparmiare ancora, una valutazione sui rendimenti ci farà rendere conto che gli strumenti del titolo non sono da boicottare a priori. Conti deposito, libretti di risparmio e BFP offrono rendimenti compresi tra lo 0,75% annuo lordo ed il 3% annuo lordo a seconda dello strumento, dell’ente e del vincolo applicato alla somma. Decidere di utilizzare in questi strumenti potrebbe risultare più remunerativo di un investimento vero e proprio e senza dubbio ci espone ad un rischio quasi irrisorio.

Quali rischi si correono ad investire 20000 euro nel 2016 in conti deposito, BFP e libretti postali? Solo uno: default dello Stato Italiano, e comunque i nostri soldi potrebbero essere salvati da alcuni fondi a tutela dei risparmiatori. Per chi volesse quindi utilizzare un parte dei propri soldi in un investimento sicuro e al risparmio, consigliamo ad esempio il  Conto Widiba con rendimento fino al 2,0% annuo (clicca per aprilo) che in questo momento è una delle proposte migliori sul mercato. Ma ora proseguiamo analizzando come investire i nostri soldi.

In alternativa se state cercando un conto corrente senza spese e sicuro, potreste pensare di aprire un Conto Hello Bank e fino al 30 giugno 2016 riceverete subito 150 euro in forma di buono Amazon da poter spendere per acquistare quello che preferite. Aprendo un conto Hello Bank (qui sito ufficiale e condizioni) avrete canone, apertura, bonifici e prelievi gratuiti e interessi all’1%.

Affidarsi a un consulente finanziaro per investire

Un buon metodo per investire parte dei 20mila euro che avete a disposizione può esser quello di affidarsi ad un consulente finanziario come ad esempio Moneyfarm. Questo servizio online vi permette di investire secondo il vostro profilo di rischio preferito bilanciando così rischi e profitti. La caratteristica principale è che Moneyfarm penserà alle migliori soluzioni per voi e per farvi rendere il capitale. I costi sono piuttosto contenuti, con commissioni che vanno dall’ 1,25% se investite meno di 3000 euro a scendere fino allo 0,5%. Non vi sono costi di apertura o vincoli, se volete provarlo potete cliccare qui per accedere al sito di moneyfarm.

Come investire 20000 euro nel 2018? Titoli di stato

Decidere di investire 20000 euro in Titoli di Stato è una mossa poco rischiosa. Tuttavia, se pensiamo di investire 20000 euro nel 2015 per avere rendimenti elevati, ad oggi, non è la soluzione più adatta. Con il QE di Mario Draghi, lo spread che cala, la crescita che subentra alla crisi i tassi di rendimento di BTP e BOT sono ai minimi. Quindi dove investire 20000 euro? E’ possibile investire in Titoli d Stato ultradecennali, in questo caso avremo dei rendimenti superiori, tuttavia, aumentermo il nostro rischio di crisi di liquidita.

Ti potrebbero interessare anche altre nostre guide:

Dove investire 20000 euro nel 2018? ETF ed Altri Fondi

Senza dubbio potremo decidere di investire 20000 euro nel 2018 in ETF ed altri fondi. In questo caso avremo una maggiore diversificazione, rendimenti più alti a fronte di una volatitlità, e quindi di un rischio maggiore. Inoltre, consigliamo di investire 20000 euro nel 2015 in ETF e fondi solo a coloro che masticano un pò di economia e finanza perche il capitale verrebbe esposto ad un vero rischio. Inoltre, investire 20000 euro nel 2016 in questi strumenti fa perdere la tassazione agevolata al 12,5% dei rendimenti. Se avete altre idee fatecele sapere nei commenti sottostanti e ricordatevi che diversificare è sempre la cosa migliore che si può fare quando si decide di investire i propri risparmi. Una parte deve avere rendimenti sicuri come il conto Widiba al 2,0%, l’altra può esser investita in modo più aggressivo.

Investimenti sicuri: investire nel mattone ventimila euro

Per prima cosa va specificato che anche se l’investimento nel mattone è considerato spesso come “sicuro”,  può in realtà avere qualche piccolo rischio e va quindi ponderato e studiato bene, come qualsiasi altro investimento. Con 20000 euro non si possono comprare grandi case o immobili costosi, ma può essere comunque una buona soluzione per far fruttare il proprio capitale. Si può ad esempio comprare un garage con quella cifra in molti quartieri delle grandi città e pensare di affittarlo per avere una rendita extra mensile. In  alternativa con questa cifra si può valutare di accendere un mutuo per acquistare una seconda casa (magari un bilocale da affittare a studenti o a giovani coppie). Per approfondire come investire nel mattone potete leggere le nostre due guide: Investire nel mattone, come fare? Opinioni e guida  e Comprare casa nel 2018, conviene? Opinioni 

Per ulteriori approfondimenti potete anche consultare uno dei seguenti manuali che vi saranno certamente di aiuto, e non esitate a scriverci in caso di bisogno e ricordatevi che potete anche iscrivervi alla nostra newsletter in fondo alla pagina e lasciare mi piace sulla nostra pagina facebook! Vi aspettiamo!

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
  • 1
    Share

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.