ETC, cosa sono e come funzionano? Rendimenti e opinioni

Cosa sono gli ETC? Per dire cosa sono gli ETC bisogna partire dalla descrizione dell’acronimo. ETC è l’acronimo di Exchange traded commodities. Quindi, sono strumenti finanziari emessi a fronte dell’investimento diretto dell’emittente in materie prime fisiche (ad esempio l’oro o l’argento) o in contratti derivati su materie prime (come ad esempio il Brent). Ovviamente il prezzo è legato direttamente, o indirettamente, all’andamento del sottostante, infatti questi, allo stesso modo degli ETF sono quotati in Borsa e replicano passivamente l’andamento del prezzo della materia prima, del derivato o dell’indice a cui si riferiscono. Gli ETC sono titoli senza scadenza.

ETC e rendimento

Il rendimento di un ETC si compone di tre fattori, così come scrive MorningStar:

  • Rendimento spot: derivante dal prezzo della materia prima o del future sottostante;
  • Rendimento legato al rolling: derivante dalla sostituzione del contratto future in scadenza. E’ negativo se il contratto in scadenza ha un prezzo inferiore a quello nuovo (cosiddetto contango) ed è positivo nel caso opposto (backwardation).
  • Rendimento del collaterale: derivante dall’interesse che si ottiene investendo nel collaterale, ossia nello strumento finanziario che fa da garanzia nell’acquisto di derivati.

I Vantaggi degli ETC

I vantaggi di detenere ETC sono diversi. In primo luogo è possibile avere un’esposizione simile a quella ottenuta mediante l’acquisto di titoli future ma senza l’utilizzo della leva finanziaria. Inoltre non obbligano a riposizionarsi continuamente  tra un contratto future ed un altro. Altro vantaggio è che, come per gli ETF, non ci sono costi o commissioni di entrato, uscita o di performance se queste non sono applicate dalla banca che ci eroga il servizio. Quindi questi strumenti hanno pochi costi a carico dell’investitori.

Similitudini tra ETF ed ETC

Ad accomunare ETF ed ETC è l’esistenza per entrambi di un mercato primario ed uno secondario. Il primo è accessibile solo per gli operatori autorizzati mentre il secondo è rappresentato dalla Borsa, dove tutti possono negoziare ETC ed ETF. Questo sistema permette al prezzo degli ETC di essere sempre allineato al valore della materia prima sottostante, allo stesso modo degli ETF.

Conclusioni sugli ETC

Concludendo, gli ETC permettono agli investitori di negoziare una singola materia prima (frumento, oro, petrolio, cadmio, zucchero, zinco…), cosa non possibile con gli ETF che, per ragioni di natura regolamentare devono garantire un certo grado di diversificazione.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!