Cos’è il risparmio amministrato?

Cos’è il risparmio amministrato? Siamo in ambito borsistico e fiscale, quando qualcuno chiede cos’è il risparmio amministrato, stiamo parlando di tasse e finanza e del famoso Capital Gain. Il trading è un’attività di compravendita che genera plusvalenze e minusvalenze, ossia entrate o perdite derivanti dalle operazioni del trader. Sulla parte che origina reddito si devono pagare le tasse allo Stato, un metodo per fare ciò è il risparmio amministrato. Non è complicato capire cos’è il risparmio amministrato, l’importante è informarsi con persone competenti e avere chiara l’aspetto fiscale per non incorrere in spiacevoli sorprese.

Cos’è il risparmio amministrato, definizione

Cos’è il risparmio amministrato? Definizione: il risparmio amministrato prevede il pagamento delle tasse, derivanti da reddito legato alla borsa, eseguito da una seconda figura, l’intermediario, il quale si occuperà di prelevare la cifra destinata al fisco direttamente dal conto dell’investitore. Il trader rimane il gestore della sua attività in borsa. Sarà infatti lui, che deciderà quali operazioni svolgere, quali titoli comprare e vendere. In Italia, la percentuale delle tasse applicate sulle operazioni finanziarie ha raggiunto circa il 26%, diversi anni fa l’aliquota era del 12,50%, con l’espandersi del settore e l’aumento degli investimenti, il tasso applicato è salito, rimanendo in linea con il resto dell’Europa. La fiscalità si calcola con la somma algebrica tra le plusvalenze e le minusvalenze, la tassazione sarà effettuata su tale risultato. Sarà la figura dell’intermediario che, a ogni singola operazione, preleverà dal conto del cliente la parte inerente al pagamento delle tasse.

Cos’è il risparmio amministrato e qual’è differenza con il regime dichiarato?

Il trader che si avvicina al settore del trading deve prendere tutte le informazioni inerenti tale attività: conoscerne lo svolgimento e informarsi con personale competente, su quali siano gli aspetti fiscali e chiedere cos’è il risparmio amministrato e se convenga usare questo metodo o il regime dichiarato. Quest’ultimo a differenza dal risparmio amministrato, prevede che sia lo stesso investitore, che in sede di dichiarazione dei redditi, dichiari quali siano state le entrate in surplus derivanti dall’attività di trading. In tale occasione pagherà le tasse inerenti al suo trading. La differenza della metodologia di pagamento delle tasse fiscali, evidenzia due situazioni differenti, che possono essere positive o negative per il trader, per cui è importante scoprire nel dettaglio cos’è il risparmio amministrato e sapere che potrebbe far pagare all’investitore le tasse in maniera immediata o in alternativa, l’anno successivo. Abbiamo discusso a lungo delle differenze tra i due regimi qui.

Ora sappiamo cos’è il risparmio amministrato e che differenza c’è con il regime dichiarativo.

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!