Come pitturare, dipingere e imbiancare casa da soli: la guida

Volete provare a pitturare casa da soli? Ci vuole un po’ di pratica e qualche consiglio utile, in modo tale da evitare dei completi disastri che potrebbero rovinare anche il più bello degli appartamenti. Niente paura, però, perché siamo qui proprio per questo e per spiegare in che modo procedere con il fai da te anche per dipingere i muri di casa. Una guida pratica può essere molto utile e ci può far vedere che si tratta di una missione possibile.

Come pitturare casa da soli? Qualche informazione preliminare

Se si desidera fare tutto da soli, senza il supporto di un imbianchino professionista, allora si devono sapere delle cose prima di incominciare il lavoro. La prima cosa che vogliamo dire è quella di reperire tutto l’occorrente.

Ma cosa serve per dipingere i muri della propria abitazione? Innanzitutto, si deve scegliere il colore, in modo tale da partire già con le idee chiare. In questo modo, ci si potrà recare ad acquistare esattamente quello che si desidera. Spesso, per ricreare il colore che si vuole utilizzare, si devono unire più tinte: farsi consigliare dal venditore può essere una soluzione per ottenere un buon risultato. Dopo aver acquistato il colore scelto, si deve procedere con il comprare anche tutti gli altri utensili. Serviranno un rullo, un secchio e ci si dovrà munire di teloni di plastica per coprire i mobili, se si tratta di casa ammobiliata, o anche solo il pavimento, e di una scala per raggiungere le parti più in alto.

Preparativi per dipingere casa senza sporcare

Il secondo step è quello di procedere con la copertura di tutto ciò che potrebbe rovinarsi. Si consiglia, quindi, di prendere i teli di plastica acquistati, di portare tutti i mobili al centro di ogni stanza e coprirli. Per evitare ulteriori danni, consigliamo anche di andare a inserire dei vecchi stracci sotto le gambe di mobili, divani e altri elementi pesanti, in modo da trasportarli più facilmente e senza rovinare il pavimento. Bisogna fare molta attenzione anche alle superfici delicate come il legno e il cotto e, in questo caso, consigliamo l’acquisto di foglia di ovatta. Coprite anche i battiscopa, gli interruttori, le finestre e tutto ciò che si può rovinare: in questo caso specifico, consigliamo di coprire il tutto con dello scotch carta che non lascia macchie e residui sulle superfici. Questa parte del lavoro è lunga e noiosa lo sappiamo, ma è anche la più importante per far si che tutto venga bene e senza rovinare la casa!

Come imbiancare casa da soli: preparare i muri

Dopo aver protetto tutto ciò che potrebbe rovinarsi, dovrete passare all’azione vera e propria di verniciatura delle pareti della vostra casa. Il primo step, quindi, sarà quello di andare a preparare il muro. In che modo lo si fa? Se è necessario, si deve procedere togliendo gli strati superficiali delle precedenti pitture e, poi, si deve continuare con la rasatura. A tal proposito dovrete munirvi di spatola per la prima azione e di stucco per rasatura per la seconda. In questo modo, andrete a uniformare le pareti che, poi, dovranno essere lavorate con la carta vetrata, al fine di eliminare eventuali dislivelli. Se il muro non è stato tinteggiato troppe volte, magari utilizzando dei materiali scadenti, questo passaggio può anche essere evitato. Tutto sta a saper valutare quelle che sono le condizioni delle pareti che si andranno a imbiancare. Dopo aver preparato la zona alla verniciatura, dovrete passare all’azione vera e propria.

Verniciare casa: colori e metodi

Prima di procedere con il descrivere la tinteggiatura, sottolineiamo che ogni stanza ha il suo tipo di pittura specifico e questo perché i muri sono differenti. Proprio per questo motivo, per non sbagliare, è utile chiedere consiglio al ferramenta di fiducia. In linea di massima, però, facciamo presente che il tipo di pittura adatto per gli interni di casa è quella che viene definita come idropittura a base d’acqua. Inoltre, dovete sempre tenere presente che il muro che si vuol ridipingere è stato già trattato con una pittura lavabile andrà passata la stessa tipologia e questo per evitare problemi. In stanze come il bagno e la cucina dovresti preferire un colore traspirante, per i corridoi o le stanze poco utilizzate una lavabile. Tutte le stanze che sono esposte a nord, ossia quelle in cui è più facile la formazione di muffa e umidità, dovrebbero essere prima trattate e, poi, dovreste usare una pittura antimuffa. Con questi consigli, vi assicuriamo il risultato ottimale per le pareti della tua casa. Vi ricordiamo che se volete risparmiare in casa potete leggere anche alcuni nostri articoli come ad esempio:

A questo punto, armati di rullo, iniziate a dipingere i muri: dovrete essere precisi e fare un lavoro pulito se non si desiderano vedere delle antiestetiche macchie o degli accumuli di colore solo in alcune zone. Ricordatevi di far asciugare bene la vernice e solo in un secondo momento dare la seconda mano. In certe pareti potrebbe esser necessario passare anche la terza mano. Facendo tutto con calma e prestando la dovuta occasione, dipingerete le pareti della vostra abitazione in maniera eccelsa, come avrebbe fatto un professionista ma risparmiando un bel po’ di denaro. Inoltre, avrete il risultato personalizzato che tanto amate. Se la guida vi è stata utile lasciate un mi piace su facebook, ve ne siamo grati!

Condividi l'articolo o lascia un mi piace!
  • 1
    Share

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.